Napoli, Pompei, Sorrento, Caserta, Villa Adriana: ultimi posti per la gita-convegno dei soci

C’è ancora qualche posto libero per poter partecipare alla tradizionale gita-convegno dei soci di Cassa Padana in calendario dal 10 al 14 aprile.

Sarà non solo per scoprire o riscroprire Napoli, dal Cristo Velato ai labirinti misteriosi del sottosuolo, passeggiare nel tempo a Villa Adriana ma anche per sostare nel magnifico parco della Reggia di Caserta.

Era il 1750 quando Carlo di Borbone decise di erigere la Reggia quale centro ideale del nuovo regno di Napoli, ormai autonomo e svincolato dall’egida spagnola.

La scelta del luogo dove sarebbe sorta la nuova capitale amministrativa del Regno cadde sulla pianura di Terra di Lavoro, nel sito dominato dal cinquecentesco palazzo degli Acquaviva. Ci vollero oltre cinquant’anni per trasformare il progetto nella realtà di oggi che si estende su una superficie di circa 47.000 metri quadrati per un’altezza di 5 piani pari a 36 metri lineari.

E altrettanti per dare vita a questo Parco reale che al suo interno custodisce una perla di bellezza: il giardino all’inglese.

Fu realizzato da John Andrew Graefer per la regina Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, moglie di Ferdinando IV. Graefer.
Iniziati nel 1786, i lavori per la formazione del giardino durarono molti anni: furono infatti introdotte piante e sementi individuate a Capri, Maiori, Vietri, Salerno, Cava de’Tirreni, Agnano, Solfatara, Gaeta.