#OttobreEduFin: un mese di incontri sull’educazione finanziaria

Prima edizione del “ Mese dell’Educazione Finanziaria”, promosso dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria che ha lo scopo di promuovere e coordinare iniziative utili a innalzare tra la popolazione la conoscenza e le competenze finanziarie, assicurative e previdenziali e migliorare per tutti la capacità di fare scelte coerenti con i propri obiettivi e le proprie condizioni.

Un Mese che comprende centinaia attività ed eventi di informazione e sensibilizzazione sui comportamenti corretti nella gestione e programmazione delle risorse personali e familiari con la finalità di garantire il benessere economico attraverso l’utilizzo appropriato di strumenti finanziari, assicurativi e previdenziali.

Il Mese si è aperto il 1 ottobre con la “World Investor Week” e terminerà il 31 ottobre, con la Giornata mondiale del risparmio. Già in calendario in diverse città numerose iniziative che comprendono convegni, incontri, seminari. In programma anche diversi webinar.

La ragione di questa iniziativa è presto detta.

In tutti i paesi e, in particolare nei paesi sviluppati, stanno avvenendo enormi cambiamenti con profonde ripercussioni sull’economia e sulle piccole e grandi decisioni che ciascun cittadino è chiamato a compiere nel corso della vita.

L’aumento della speranza di vita e la diminuzione della natalità sono due spinte demografiche destinate a mutare profondamente gli incentivi che guidano le scelte in materia di risparmio privato, assicurazioni e previdenza.

Una più alta aspettativa di vita richiederà una diversa pianificazione del proprio futuro, capace di tener conto della prolungata esigenza di risorse necessarie a svolgere una vita soddisfacente e ad affrontare le necessità di cura.

Il mercato del lavoro si sta modificando e continuerà a farlo in futuro. Anche il sistema previdenziale, passato da un regime retributivo a uno contributivo, è profondamente mutato.

L’allungamento delle aspettative di vita e il minore livello delle pensioni, rispetto all’assegno percepito dagli attuali pensionati, possono richiedere ai cittadini la costruzione per tempo di un piano pensionistico integrativo per affrontare con maggiore serenità il periodo non lavorativo e l’eventuale transizione verso il pensionamento.

Dall'1 al 31 ottobre, prima edizione del Mese dell'educazione finanziaria
Dall’1 al 31 ottobre, prima edizione del Mese dell’educazione finanziaria

I mercati finanziari sono diventati più complessi e si è ampliata l’offerta di prodotti a disposizione del cittadino. L’avvento della tecnologia e dei servizi digitali è destinato a trasformare radicalmente le abitudini dei cittadini e l’attività delle imprese e avrà un forte impatto nel settore finanziario.

Questi mutamenti non hanno natura temporanea o ciclica, ma sono strutturali e duraturi. Richiedono che gli individui, giovani e adulti, abbiano un insieme di conoscenze e competenze finanziarie diverse rispetto al passato.

Conoscenze economiche e finanziarie di base sono sempre più necessarie per l’esercizio consapevole della cittadinanza economica.

Sempre più spesso e in un numero crescente di paesi, i cittadini sono chiamati a esprimere una valutazione su riforme economiche complesse ed è importante che essi sappiano distinguere tra l’informazione affidabile e quella priva di fondamento.

Il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria  è stato istituito nel 2017 con decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca e con quello dello sviluppo economico, in attuazione della legge n. 15/2017, “Disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio”.