Soci in viaggio nella verde e selvaggia Galizia: adesioni aperte

La meta del viaggio-convegno 2020 dei soci di Cassa Padana sarà la Galizia, la regione più verde e più celtica della Spagna. Un mondo a sé, ricco di tradizioni antichissime e paesaggi mozzafiato.

La Galizia è la regione più occidentale del nord della Spagna: confina con il Portogallo a sud e con le regioni spagnole di Asturie e Castiglia e Léon a est, è bagnata dall’oceano Atlantico a ovest e dal mar Cantabrico a nord.

Un viaggio in Galizia non è un viaggio in Spagna. Dimenticate le spiagge. Qui i verdissimi paesaggi ricordano più l’Irlanda che la penisola iberica. Dimenticate le
nacchere e il flamenco. Qui il suono è quello della cornamusa. E la lingua? Certo, si parla castigliano ma la lingua ufficiale è il gallego.

La Galizia è una scoperta e noi viaggeremo fra Santiago di Compostela e Finisterre, La Coruna, Betanzos e Pontevedra fino all’isola di Toxa, un piccolo rifugio per vivere a fondo il mare, collegato da un ponte alla terraferma.

L’appuntamento è dall’1 al 5 aprile. Informazioni e adesioni in tutte le filiali.

La Cattedrale di Santiago di Compostela
La Cattedrale di Santiago di Compostela

Il programma

1 giorno – 1 aprile
Ritrovo dei partecipanti direttamente all’aeroporto di Montichiari e, dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco, partenza con volo speciale di Cassa Padana in direzione di Santiago de Compostela. Arrivo, ritiro dei bagagli, incontro con la guida e trasferimento in città.

Visita guidata nella zona del Mercado Abastos, il secondo luogo più visitato dopo la Cattedrale. Pranzo. Proseguimento delle visite: vedremo la Cattedrale, risalente al XIII secolo, che sorge sul luogo dove secondo la storia è sepolto l’apostolo Giacomo, patrono di Spagna.

La facciata barocca dell’Obradoiro, sormontata dalla statua di San Giacomo, lascia senza fiato i visitatori, prima di accoglierli attraverso il sontuoso Portico della Gloria, decorato con 200 sculture di santi e personaggi del Vecchio e del Nuovo Testamento. Proprio sotto la Capela Major si trova la Cripta dell’Apostolo che custodisce il corpo del santo.

Si proseguirà con la Piazza della Quintana, alle spalle della Cattedrale, che per dimensioni e importanza è la seconda piazza della città. Si divide in Quintana de Vivos e Quintana de Mortos, quest’ultima chiamata così perché in passato era un luogo di sepoltura.

Sull’angolo occidentale, svetta la torre dell’orologio della Cattedrale, la Berenguela. La principale attrazione è, però, la seicentesca Porta Santa della Cattedrale, che viene aperta soltanto negli anni del Giubileo. Al termine delle visite trasferimento in hotel, assegnazione delle camere riservate, cena e pernottamento.

2 giorno – 2 aprile
Dopo la prima colazione in hotel, partenza per l’escursione dell’intera giornata dedicata a Finisterre e Costa da morte.  Si visiteranno i piccoli paesini di Pontemaceira, Muros (tipico e affascinante villaggio marittimo), la Caszada do Ézaro (l’unica in Europa che sbocca sul mare, ciò la rende un luogo che merita di essere visitato), Cabo e faro de Finisterre (il punto più occidentale d’Europa, nell’antichità questo luogo fu considerato dai romani la fine della terra).  Qui si potranno ammirare i panorami mozzafiato delle scogliere e le acque dell’Atlantico.

Pranzo. Infine, fermata a Muxía, tipico paesino marittimo e al Santuario della Vergine della Barca, edificio barocco costruito sopra l’eremo del XII secolo. Lungo questo cammino, verrete ampliamente a conoscenza della storia e della cultura della regione. Rientro in hotel, uscita in pullman per cena tipica a base di Tapas. Rientro e pernottamento in hotel.

Finisterre
Finisterre

3 giorno – 3 aprile
Prima colazione in hotel. La giornata sarà dedicata alla scoperta di  Rias Baixas. Sosta a Pontevedra, città dall’architettura in pietra, con case blasonate, fontane, piazze brulicanti di vita.

Proseguimento in direzione di Combarro, pittoresco paese marinaro affacciato sull’Atlantico caratterizzato dai Cruceros, antichissimi crocifissi in pietra, e dagli horreos, mini palafitte in muratura o legno utilizzate come granai.

Proseguimento per La Toxa, isoletta che deve la sua fama alla piccola chiesetta famosa per essere interamente ricoperta di conchiglie. Pranzo. Proseguimento per Cambados, capitale del vino Albarino. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

4 giorno – 4 aprile
Dopo la prima colazione in hotel, escursione dell’intera giornata a Coruna-Betanzos. Visita del centro storico di La Coruna con la Piazza Maria Pita, i paesi marittimi di Orzan e Riazor. Vedremo una delle zone più emblematiche, la Torre di Hercules, da cui si gode di una vista mozzafiato dell’Oceano Atlantico. Si tratta di un faro di origine romana, il più antico del mondo, attualmente Patrimonio dell’Umanità. Pranzo.

Proseguimento per Betanzos, uno dei paesi più antichi della Galizia, che conserva tre porte medioevali, case signorili e sepolcri di nobili guerrieri. Rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

Costa da Morte
Costa da Morte

5 giorno – 5 aprile
Dopo la prima colazione e le operazioni di check-out, incontro con la direzione di Cassa Padana.  Al termine il tempo sarà dedicato al Cammino di Santiago. Tra i Caminos che portano a Santiago, il più battuto è il Cammino francés, che entra in Galizia attraverso O Cebreiro, famoso per le pallozas e per la sua collocazione in un paesaggio spettacolare di antiche montagne.

Il paesaggio rurale della Galizia interna che accompagna questa prima parte di escursione è in alcuni tratti di un’esuberante e di mistica bellezza. Dopo il passaggio per il monastero di Samos, grande monastero benedettino della Galizia, i pellegrini attraversavano il Miño a Portomarin, la cui fortezza inglese è tra le migliori dell’epoca medievale.

Più avanti, la chiesa di Vilar de Donas è uno dei migliori esempi di galiziano romanico, legato al Cammino, con affreschi che risalgono al 1434. Noi arriveremo al Monte Gozo, situato a Km.5 da Santiago, il primo luogo da cui i pellegrini vedono per la prima volta la Cattedrale di Santiago, e partendo da lì percorreremo un breve tratto del Cammino. Pranzo.

Nel pomeriggio trasferimento in tempo utile in aeroporto; disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo speciale Cassa Padana  in direzione dell’aeroporto di Montichiari. Dopo il ritiro dei bagagli rientro libero ai luoghi di partenza.

Le iscrizioni sono aperte presso le filiali di Cassa Padana