Sulla via della seta: in Uzbekistan con Cassa Padana

Dal 15 al 22 settembre in viaggio fra Khiva, Bukhara e la mitica Samarcanda. Adesioni e informazioni in filiale.

Uzbekistan
24 maggio 2023
Novità |  Privati |  Imprese |  Soci |  Territorio | 

Culla di civiltà da oltre due millenni, l’Uzbekistan vanta un suggestivo patrimonio architettonico e artistico, profondamente permeato dalla storia crudele e affascinante della Via della Seta. In termini di attrattive culturali, è di gran lunga il paese più ricco e straordinario dell’Asia centrale.

Luoghi mitici come Samarcanda, Bukhara e Khiva conquistano e stupiscono i visitatori con le loro favolose moschee, le medressa e i mausolei, ma non mancano attrattive più insolite come il Lago d’Aral, che purtroppo  sta scomparendo, le fortezze del remoto Karakalpakstan, la fiorente capitale Tashkent e le iniziative di ecoturismo avviate tra i Monti Nuratau.

Pur essendo uno stato governato in modo autoritario, l’Uzbekistan è un paese accogliente su quella Via della Seta che non era un’unica strada, piuttosto una mutevole rete di piste carovaniere intercontinentali che serpeggiavano tra alcune delle montagne più alte e tra i deserti più brulli dell’Asia.

E' in questo mondo remoto che Cassa Padana porterà soci, clienti, amici in un viaggio che è già mitico, che si terrà dal 15 al 22 settembre prossimo e per il quale sono già aperte le adesioni in tutte le nostre filiali. 

 

Il programma del viaggio

1° GIORNO, venerdì 15/09
MILANO/KHIVA Ritrovo dei partecipanti nel pomeriggio a Leno e partenza in bus in direzione dell’aeroporto di Milano Malpensa. Partenza con volo di linea per Urgench: MALPENSA  URGENCH

2° GIORNO, sabato 16/09
KHIVA. Visita della cittadina, vera perla dell’architettura islamica e antico centro della Via della Seta tra i meglio conservati. Il suo centro storico e la sua cinta muraria in mattone crudo sono stati integralmente restaurati, facendone una vera e propria città-museo: si inizia, entrare dalla porta ovest, con la bella madrasa di Amin Khan, il tozzo minareto di Kalta Minor e la famigerata fortezza “Kunya Ark”, per proseguire per le stradine visitando le numerose madrase ed antiche moschee che si susseguono lungo il percorso.

Degne di nota sono la moschea Juma, edificato sopra l’antico luogo di culto del VIII/XI secolo, il cui interno è sorretto da una serie di colonne in legno, e la madrasa Islam Kohja.

3° GIORNO, domenica 17/09: KHIVA/BUKHARA
In mattinata partenza con volo alla volta di Bukhara: URGENCH  BUKHARA. Visita del Palazzo d’Estate, la residenza degli ultimi emiri di Bukhara.

4° GIORNO, lunedì 18/09: BUKHARA
La città divenne uno dei centri più importanti della Via della Seta e conobbe il suo periodo di maggior splendore durante il periodo samanide, tra il IX ed il X secolo d.C. quando divenne il cuore religioso e culturale dell’Asia Centrale.

Intera giornata di visita del centro storico, in gran parte risalente al periodo del khanato tra il XVI ed il XVII secolo: la vita ruota intorno alla piazza Labi Hauz, al cui centro si trova una grande vasca attorno alla quale sorgono negozi e caffè all’aperto; visita in particolare della grande Moschea e del bellissimo minareto Kalon, il Mausoleo di Ismail Samani, la cittadella chiamata Ark, le madrase Kukeldas, di Ulug Begh e Aziz Khan, i resti della madrasa di Chor Minor con i suoi quattro minareti, i baza.

5° GIORNO, martedì 19/09: BUKHARA/SAMARCANDA
Di primo mattino partenza in bus per Samarcanda. Lungo il percorso soste a Sachri Sabz, città natale di Tamerlano: si visiteranno le rovine del Palazzo d’Estate, il Mausoleo di Jehangir, figlio prediletto di Tamerlano, e la Moschea Kok Gumbaz edificata da Ulugh Beg nel 1437.

6° GIORNO, mercoledì 20/09: SAMARCANDA
Giornata dedicata alla visita della città simbolo dei luoghi della Via della Seta: la grandiosa piazza Registan con le tre straordinarie madrase di Ulug Begh, Shi Dor e Tilya-Kari, famose per la purezza delle linee e l’eleganza delle maioliche turchesi; il monumentale complesso dei mausolei Sach-i-Zinda; la moschea Bibi-Khanym, che sbalordisce per la ricchezza del decoro; il museo del sito archeologico di Afrassiab, l’antica Samarcanda abbandonata all’inizio del XII secolo dopo la conquista dei mongoli, l’osservatorio di Ulugh Begh, il bellissimo mausoleo di Gur Emir che ospita la tomba del grande Tamerlano.

7° GIORNO, giovedì 21/09: SAMARCANDA/TASHKENT
In mattinata continuazione delle visita di Samarcanda, con sosta ad una fabbrica artigianale della lavorazione della carta e del bazar Syob, il più grande della città e situato vicino alla moschea di Bibi Khanym. Seconda colazione. Nel pomeriggio partenza in bus o con treno veloce per Tashkent.

8° GIORNO, venerdì 22/09: TASHKENT/MILANO
Breve visita della cittadina di Tashkent: piazza dell’Indipendenza, piazza del Teatro dell’Opera, il complesso di Khast Imam con le madrassa di Barak Khan e il museo in cui è conservato il Corano più antico. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per la partenza del volo.

Informazioni in tutte le filiali e dal collega Marco Migliorati: marco.migliorati@cassapadana.it, tel 030.9040275