Superbonus: accordo con l' Ordine degli ingegneri di Verona

“Questo accordo potrà favorire anche il rilancio dell'edilizia, settore nevralgico per l'Italia e ancor di più per i territori in cui Cassa Padana è presente”.

07 giugno 2021
Novità |  Emergenza Covid-19 |  Privati |  Imprese |  Soci |  Territorio | 

Da una parte una Banca che ha destinato uno specifico plafond fiscale per l’acquisto di crediti d’imposta ai sensi dell'ex D.L. n. 34/2020 chiamato Decreto Rilancio.

Dall'altra un ordine professionale che è interessato a offrire ai propri associati la possibilità di usufruire di un canale operativo sul quale poter canalizzare le eventuali richieste di cessione dei crediti in qualità di beneficiari.

La banca in questione è Cassa Padana che nel veronese ha 10 delle sue 60 filiali. L'ordine professionale è quello degli ingegneri della provincia di Verona che intende offrire ai propri associati una corsia preferenziale nella cessioni dei crediti d'imposta.

Nei giorni scorsi Cassa Padana e Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia hanno siglato un accordo di collaborazione di cui beneficeranno molti di coloro che in questi mesi stanno ristrutturando immobili e intendono cedere il proprio credito di imposta.

Grazie a questo accordo, Cassa Padana si impegna a elaborare le richieste di prenotazione pervenute dalla clientela indirizzata alla banca dall'Ordine degli ingegneri di Verona entro il termine massimo di 7 giorni lavorativi da conteggiarsi dal giorno in cui alla banca pervenga tutta la documentazione prevista e che la stessa sia completa in tutti le componenti richieste e che sia conforme.

La banca si impegna anche ad acquisire il credito di imposta e comunque sempre in “prima concessione” cioè relativi ai crediti ceduti per la prima volta dal titolare originario del credito.

Inoltre, per le controparti che necessitano di un finanziamento, Cassa Padana prevede, salvo valutazione del merito di credito, l’applicazione di condizioni migliorative rispetto allo standard previsto, in forza dell’accordo siglato.

“Cassa Padana crede molto in questo accordo con l'Ordine degli ingegneri di Verona” ha detto il direttore generale di Cassa Padana, Andrea Lusenti, “ perché sempre più importanti sono le sinergie e le collaborazioni fra le banche e il territorio, in questo caso i professionisti veronesi. Questo accordo sono certo potrà favorire anche il rilancio dell'edilizia, settore nevralgico per l'Italia e ancor di più per i territori in cui Cassa Padana è presente”.

L'accordo interessa questi soggetti beneficiari :

  1. privati che sostengono le spese di lavoro oggetto di agevolazione su immobili di proprietà esclusiva o di cui detengono il possesso.

  2. imprese già clienti della banca che eseguono i lavori oggetto di beneficio e che richiedono la cessione dei derivanti crediti di imposta a seguito dell’applicazione del correlato sconto in fattura a beneficio del privato.

Sono esclusi dall'accordo i condomini (anche quelli classificati come “condomini minimi”) e le persone fisiche o imprese che effettuano lavori su immobili non residenziali.

Due le tipologie di interventi interessati da questo accordo sull'acquisto di crediti:

1. SUPERBONUS 110% riferibili quindi agli interventi realizzati ai sensi del D.L. n. 34/2020, convertito in Legge n. 77/2020.
E' possibile l’acquisto dei soli crediti fiscali SUPERBONUS 110% sorti in ragione di spese sostenute a decorrere dall' 1 gennaio 2021 a patto che non siano mera prosecuzione di lavori iniziati in precedenti periodi di imposta;

2 . INTERVENTI “ORDINARI” come Ecobonus, Sismabonus, Bonus facciate e Recupero del patrimonio edilizio, riferibili quindi agli interventi realizzati ai sensi del D.L. n. 63/2013, convertito in Legge n. 90/2013, della Legge n. 160/2019 e del D.P.R. 22/12/1986 n. 917. Questi interventi devono però essere abbinati ad altri che generano il superbonus 110% e comunque il cui credito di imposta sia al massimo pari all’importo del beneficio ceduto per i lavori “SUPERBONUS”

Le filiali di Cassa Padana di Alpo, Bovolone, Carpi di Villa Bartolomea, Cerea, Legnago, Menà di Castagnaro, San Giorgio in Salici, Valeggio sul Mincio, Villa Bartolomea e Verona centro sono a disposizione per informazioni e chiarimenti.