Depositi Dormienti

Il 17 agosto 2007 è entrato in vigore il Regolamento in materia di depositi dormienti (Decreto del Presidente della Repubblica del 22 giugno 2007 n. 116 – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 2 agosto 2007).

In sintesi il Regolamento prevede che:

  • sono considerati dormienti i depositi di somme di denaro o i depositi di strumenti finanziari in custodia ed amministrazione, in relazione ai quali non sia stata effettuata alcuna operazione o movimentazione ad iniziativa del titolare del rapporto o di terzi da questo delegato per il periodo di tempo di 10 anni decorrenti dalla data di libera disponibilità delle somme e degli strumenti finanziari;
  • una volta che il deposito è divenuto dormiente, esso viene estinto qualora entro il termine di 180 giorni non venga effettuata alcuna operazione o movimentazione; le somme o valori ivi depositati devono quindi essere trasferiti ad un fondo pubblico.

Si invitano pertanto i titolari di un deposito al portatore (ad esempio, libretto di risparmio) a verificare periodicamente se il deposito è divenuto dormiente.

A questo fine è messo a disposizione dei clienti presso tutte le filiali della Cassa Padana BCC e sul sito www.cassapadana.it nella sezione Trasparenza un elenco contenente i dati dei depositi al portatore divenuti dormienti nel periodo di riferimento.

Inoltre, previa indicazione da parte del titolare dei dati essenziali di un determinato rapporto, ciascuna filiale è in grado di comunicare se quel rapporto è divenuto dormiente.

I titolari di un deposito al portatore divenuto dormiente sono invitati a contattare tempestivamente una qualsiasi filiale della Cassa Padana BCC.

Elenco documenti: