Metti la storia al lavoro: Memorie in cammino e Cassa Padana all’università

Il padre del web, Tim Berners Lee, ama ripetere che la Rete non è qualcosa di compiuto. E mai lo sarà. E’ uno strumento in costante evoluzione che deve essere riprogettato periodicamente per rimanere “al servizio dell’umanità”.

Ma di fronte all’abbondanza, alla velocità dell’informazione e alla sua gratuità, ci si è resi conto di quanto importante sia il saper leggere i contenuti che vengono pubblicati sul web e di quanto altrettanto importante sia avere fondamenti di programmazione informatica.

Nasce qui la cosiddetta “informatica umanistica”, un’area di riflessione di confine, stretta fra competenze informatiche e saperi umanistici, capace di avere uno sguardo di insieme e più profondo nella trasmissione della conoscenza attraverso le nuove tecnologie e di dare vita a prodotti ed esperienze che sono in grado di mettere il digitale davvero al servizio dell’umanità.

Non senza orgoglio possiamo dire che il progetto Memorieincammino.it – nato nel 2012 e realizzato proprio da una partnership informatica e umanistica dall’Istituto Cervi di Gattatico, nel reggiano, dalla redazione di Popolis e da Cassa Padana – costituisce una delle esperienze più significative di nuove tecnologie al servizio della diffusione della conoscenza e anche della storia.

A riprova della forza di Memorieincammino.it (che a oggi conta online oltre duemila fra fotografie, immagini, documenti, lettere, testimonianze: tutti tasselli di un mosaico che rappresenta il complesso quadro di quell’Italia in trasformazione che va dal 1922 al 1945) c’è la partecipazione oggi alla seconda conferenza dell’associazione italiana di Public History, ospitata all’università di Pisa.

Un’occasione di confronto e di riflessione, tra chi opera e lavora con e sul passato, sui modi in cui la storia è presente nella società, dall’università alle piazze, nella cultura alta e in quella popolare, nella vita quotidiana.

L’appuntamento è per oggi alle 17.15 al dipartimento di Civiltà e forme del sapere. Interverranno il coordinatore di Memorie in Cammino, Mirco Zanoni, quindi Gabriella Gotti (Dal cassettone al web: documenti, immagini e testimonianze per raccontare un’Italia in trasformazione (1922-1945),  Armando Rossi, responsabile dell’Ufficio Popolis di Cassa Padana (Dietro le quinte dell’archivio digitale di Memorieincammino.it),  Roberta Bruno (Per fare l’albero ci vuole il frutto: la sintassi di Memorieincammino.it),  Martina Noleggi (ANPI di Varano de’ Melegari – Un caso esemplare: Varano de’ Melegari, la sua memoria, la sua comunità).