Correva l’anno 2003: la Fiera di San Benedetto festeggia i suoi primi 16 anni

Correva l’anno 2003 quando un gruppo di persone, spronati da un nuovo progetto nato da Cassa Padana BCC, si riuniva in nome di antiche origini e per creare un evento che fosse dedicato alla storia, ai valori benedettini, al buon cibo, all’agricoltura sostenibile e biologica. al vivere comune.

Quell’evento fu la Fiera di San Benedetto. Un appuntamento in anni in cui il biologico si affacciava appena al mercato, ma era un settore che aveva già i suoi pionieri nel mondo e in Italia e che aveva bisogno di un luogo dove trovarsi e presentarsi.

Quel gruppo di persone, fra Cassa Padana e la Fondazione Dominato Leonense, non sapevano che da lì a pochi anni la manifestazione sarebbe diventata un appuntamento fisso per l’estate bresciana e per tutti coloro che nel biologico credono davvero.

La Fiera di San Benedetto, giunta  quest’anno alla sua sedicesima edizione, fin dalla sua origine ha infatti cercato di incoraggiare una produzione biologica di qualità, presentando esempi concreti di prodotti e attività del settore agricolo e biologico.

Era ed è un modo per dare nuovo spazio a quei valori benedettini che sono stati tramandati dai monaci dell’Abbazia di San Benedetto di Leno, allo scambio equo tra produttore e consumatore, alla sostenibilità ambientale a dispetto del guadagno a tutti i costi, al benessere della comunità intesa come un unico corpo.

In tutti questi anni la Fiera, sempre promossa dalla Fondazione Dominato Leonense, ha riunito, nello splendido parco di Villa Badia, numerosi produttori biologici e ha dato spazio ad associazioni culturali e di volontariato, ad artisti che hanno esposto i propri lavori. Non sono mancate le musiche, le danze e gli spettacoli teatrali.

Da giovedì 5 a domenica 8 luglio si ricomincia. Con un intenso programma di appuntamenti che comprende anche la visita guidata al  sito archeologico dell’antica abbazia benedettina leonense, dove gli archeologi, coordinati dall’Università di Verona, continueranno a scavare (ma i  risultati già ci sono) fino al 13 luglio.