Aziende agricole: cambiali agrarie ancora più vantaggiose

Dal 2 novembre 2017 al 31 gennaio 2018 finanziamenti con cambiale agraria a condizioni molto speciali

Autunno e inverno sono spesso mesi di passaggio per gli agricoltori. Il raccolto della passata stagione è già in fienile o è stato venduto e ci si prepara al prossimo anno.

Possono quindi essere mesi difficili dal punto di vista economico. E’ per questa ragione che il legislatore, nel 1992 con la legge 185, ha creato la cambiale agraria che si distingue dalle altre tipologie di cambiali per il regime fiscale regolato da questa legge che è particolarmente agevolato.

Con la cambiale agraria, in pratica, si accede a un finanziamento concesso dalle banche a tutti coloro che svolgono attività prettamente connesse all’agricoltura.

Con le cambiali agrarie si possono ottenere anticipi di capitali in conto spese per la produttività agricola, consentendo al cliente lo sconto delle cambiali.

La durata del prestito non può superare i 12 mesi e il finanziamento concesso  non necessita ipoteche su beni immobili e permette a chi ne fa richiesta di usufruire di tassi di interesse agevolati.

Dal 2 novembre 2017 al 31 gennaio 2018 le cambiali agrarie in Cassa Padana sono ancora più vantaggiose e con tassi di interesse speciali.

Scoprile e richiedile in tutte le nostre filiali.

Cos'è la cambiale agraria ?

È il finanziamento concesso a tasso agevolato ( legge n.185/92, art.3, comma 2, lett. c) che è destinato agli imprenditori che svolgono attività connesse o collaterali all’attività agricola ed è finalizzato all’anticipo delle spese di conduzione dell’annata agraria o all’anticipo di capitali per il completamento del ciclo produttivo.

Caratteristiche

Con le cambiali agrarie si possono ottenere anticipi di capitali in conto spese per la produttività agricola, consentendo al cliente lo sconto delle cambiali.
La durata del prestito non può superare i 12 mesi e permette a chi ne fa richiesta di usufruire di tassi di interesse agevolati.